Sistema musica Como

di: Redazione | 01 luglio 2013

“Da alcuni anni gli operatori musicali della provincia di Como, come del resto in tutto il paese, lottano quotidianamente per non soffocare tra le spire di un fragile modello economico incapace di rinnovarsi.
Da un parte si cerca di attingere ai pochi soldi pubblici rimasti attraverso il logoro meccanismo dei contributi statali od il sostegno diretto degli enti locali ad iniziative occasionali, dall’altra si tentano strategie di marketing cosiddetto “culturale”, tanto per distinguersi dagli aggressivi colleghi del libero mercato, che il più delle volte rischiano di snaturare il senso autentico dell’attività musicale che si intende promuovere.
Un ulteriore ostacolo che impedisce lo sviluppo di una più solida economia della musica e che in più danneggia il rapporto tra musica e ascoltatori, sono i numerosissimi concerti occasionali, ad ingresso gratuito, nella maggior parte dei casi realizzati approfittando della disponibilità di giovani musicisti. Il danno più serio non è tanto legato al mancato incasso, che tuttavia potrebbe innescare una microeconomia a sostegno di quei giovani interpreti, bensì all’idea di una gratuità del disimpegno e del disvalore che viene sostenuta e promossa, con queste iniziative.”

Un breve estratto della ricerca  Sistema musica Como – Rapporto 2012 che è stata presentata a Como giovedì 27 giugno. Realizzata dall’Università popolare di musica di Como con la collaborazione di Spazio alla musica è stata finanziata dalla Camera di Commercio e dalla Provincia di Como ed è stata curata da Bruno Dal Bon, Alberto Odone, Valeria Squillante e Iacopo Volpi.

Come scriveva Paolo De Santis in apertura del volume: “Un primo passo per meglio far conoscere e sostenere le tante realtà musicali dalle quali ci auguriamo scaturiscano iniziative e progetti che possano realmente dar vita ad un Sistema musicale del territorio”. Quel Sistema musica che potrebbe nascere dal lavoro comune tra le istituzioni, gli operatori, i musicisti e i semplici appassionati e che potrebbe realmente dare slancio e nuove opportunità di sviluppo alla musica e ai tanti musicisti che operano a Como.

La ricerca è disponibile anche sul nuovo portale www.sistemamusicacomo.org, un sito che raccoglierà, con la collaborazione degli operatori del territorio che vorranno registrarsi, le informazioni delle diverse attività musicali, censirà gli spazi presenti in provincia e potrà essere un utile strumento di raccolta di dati ed informazioni per future ricerche oltre che di promozione per i singoli eventi.

E’ stata anche una nuova occasione per confrontarci sul tema della Casa della musica di Como, sostenuta e promossa da Spazio alla musica, che proprio nei locali della Circoscrizione 7, dove si è tenuto l’incontro, potrebbe trovare la propria sede.

Sono intervenuti Paolo De Santis – Presidente della Camera di Commercio, Giuliana Longhi – Sub Commissario della Provincia di Como, Lorenzo Spallino – Assessore all’Urbanistica del Comune di Como, Luigi Cavadini – Assessore alla Cultura del Comune di Como – Stefano Rudilosso – Presidente del Conservatorio di Como, Barbara Minghetti – Presidente del Teatro Sociale di Como / As.Li.Co., Francesco Mantero di Ottonote Edizioni Musicali, Roberta di Febo dell’Accademia musicale Giuditta Pasta, Paola Re e Mimmo Todaro di Arte&Arte, Laura Garavaglia della Casa della Poesia, Maria Teresa Lietti di Musica Domani, Marco Longatti di Arkham Project e molti altri.

Qui l’articolo uscito sul Corriere di Como a firma di Maurizio Pratelli

 

IMG_1669bis
Paolo De Santis – Presidente della Cameria di Commercio di Como, Giuliana Longhi – Sub Commissario della Provincia di Como e Bruno Dal Bon

IMG_1695-bis
Un momento di confronto durante la presentazione

IMG_1690-nis
Luigi Cavadini – Assessore alla Cultura del Comune di Come, Bruno Dal BonStefano Rudilosso – Presidente del Conservatorio G. Verdi di Como

IMG_1683-bis
Valeria Squillante, Iacopo Volpi, Bruno Dal Bon e Alberto Odone: curatori della ricerca.

IMG_1693-bis
Luigi Cavadini – Assessore alla Cultura del Comune di Como, Bruno Dal Bon e  Lorenzo Spallino Assessore all’Urbanistica del Comune di Como